IRIDOLOGIA

 

L’Iridologia è una tecnica abbastanza recente anche se prima i Cinesi e poi Ippocrate e Paracelso hanno sempre sostenuto l’importanza dell’osservazione dell’occhio per la ricerca dello stato di salute.

 

L’Iridologia è stata ideata da Ignazio von Peczely, un medico omeopata ungherese nato nel 1826. Si racconta nella sua biografia che iniziò le sue ricerche sull’Iride all’età di dodici anni, infatti allora catturò una civetta e nel prenderla le ruppe una zampa. Osservando gli occhi dell’animale, notò che in uno di essi, e precisamente in quello corrispondente all’arto ferito, l’iride presentava una linea nera che poi scomparve quando la zampetta fu completamente guarita. Da qui iniziò la sua ricerca che portò ai fondamenti basilari dell’Iridologia moderna e alle sue pubblicazioni. Nel 1880 fu pubblicato il testo intitolato: "Introduzione allo studio della diagnosi attraverso gli occhi" e nel 1886 fu pubblicato il primo schema di topografia dell’iride.

 

L’Iride consta di migliaia di fibre nervose che a gruppi e a seconda della loro posizione nell’occhio, rappresentano le varie parti dell’organismo, l’occhio come trasmette le sensazioni al cervello, così da esso le riceve manifestandole poi nell’iride attraverso l’alterazione del suo tessuto e del suo pigmento e osservando questi cambiamenti (ad es:variazioni nella trama delle fibre o nel colore, comparsa di macchie o di vari segni ecc.) si possono avere indicazioni sulla costituzione organica dell’individuo, sulla sua vitalità e quindi sul suo stato di salute.

 

 

NOTIZIE UTILI

Additivi alimentari da evitare

Inserire qualche cosa di nuovo in un alimento non è sempre una buona idea, particolarmente quando nuoce alla salute. Eccovi 12 additivi da evitare:
(queste non sono valutazioni personali, ma di MSN health and Fitness).

CONTINUA

Camminare allunga la vita

Il premio Nobel del 2009 è stato riconosciuto a chi da tempo si occupa dei telomeri, una sorta di catena interna alla cellula che rende conto della sopravvivenza di ogni cellula e di ogni essere vivente. Se il telomero è lungo, la cellula (e chi la possiede) vive più a lungo.

CONTINUA

Più frutta e meno sale

Registriamo con piacere come da qualche tempo anche alcune riviste di divulgazione sanitaria molto diffuse comincino a segnalare i molti effetti del sale sulla salute.

CONTINUA

La Febbre

Non c’è fenomeno, che il nostro povero corpo sviluppi, più osteggiato della febbre. Lo definirei meglio come accanimento. Tanto più grave quanto più si ignora il significato profondo, e salvifico aggiungo, di questo fenomeno che il nostro organismo ci sottopone. Se conoscessimo il significato dell’innalzamento della temperatura del nostro corpo, ci guarderemmo bene dall’ostacolarlo. Ottenendo certamente uno stato di salute superiore. Occupiamoci di capire perché.

CONTINUA

Obesità infantile, fattori di rischio e prevenzione

L'obesità infantile è un problema di notevole rilevanza sociale: un bambino che mangia troppo sarà anche, con molta probabilità, 'un adulto obeso', con una maggiore possibilità di complicanze (dislipidemie, diabete, ipertensione, difficoltà motorie, difficoltà nella respirazione nonché difficoltà psicologiche).

CONTINUA

Frutta e verdura aiutano a rilassarsi

Che la frutta e la verdura facciano bene alla salute non è un segreto, ma un nuovo studio dell'Università di Otago svela un beneficio in più: mangiare più frutta e verdura è una strategia per calmarsi.

CONTINUA

Additivi alimentari da evitare

Inserire qualche cosa di nuovo in un alimento non è sempre una buona idea, particolarmente quando nuoce alla salute. Eccovi 12 additivi da evitare:
(queste non sono valutazioni personali, ma di MSN health and Fitness).

CONTINUA

Integratori Alimentari

L'integrazione alimentare, l'uso di supplements e di vitamine, come quello di sostanze naturali ad azione specifica o di alimenti funzionali (basta pensare al resveratrolo o alle mandorle), è sempre più oggetto di discussione e di controversia.
Eppure ci sono lavori di notevole rilievo scientifico che confermano in modo rigoroso il forte impatto positivo dell'integrazione alimentare nel migliorare la propria salute.

CONTINUA

Più frutta e meno sale

Registriamo con piacere come da qualche tempo anche alcune riviste di divulgazione sanitaria molto diffuse comincino a segnalare i molti effetti del sale sulla salute.

CONTINUA