Per la febbre c’è un vero e proprio rifiuto in quanto non se ne conosce il vero significato, se conoscessimo il significato dell’innalzamento della temperatura del nostro corpo, non lo ostacoleremmo ottenendo certamente uno stato di salute migliore.


La febbre origina dal tessuto connettivo che ha funzioni immunitarie, di nutrizione delle cellule, di scambio e raccolta delle sostanze di rifiuto prodotte dalle cellule stesse.


Il tessuto connettivo è simile a un liquido denso che circonda tutte le cellule. E' all'interno di questa matrice fondamentale che si sviluppano i fenomeni infiammatori e, di conseguenza, la febbre. Questo tessuto ha una consistenza diversa nelle nelle 24 ore. Dalle 3 alle 15, si presenta liquido (stato di sol);  questa è una fase di disintossicazione e drenaggio in quanto avviene la demolizione, la raccolta e lo smaltimento delle scorie prodotte dalla cellula e si ha anche una grande attività del sistema immunitario che sta difendendo l'organismo. Dalle 15 alle 3 si presenta denso gelatinoso (stato di gel). In questa fase avviene la nutrizione e la ricostruzione cellulare. Questa duplice consistenza dipende da una sorta di termostato interno per permettere lo scambio di nutrienti/rifiuti. Quando stiamo male subentra uno stato febbrile che ha l'obiettivo di alzare la temperatura del corpo permettendo uno stato più lungo di sol ( stato liquido), in questo modo il sistema immunitario ci difende dalle aggressioni esterne (batteri, virus, ecc). La temperatura ideale per questa funzione và dai 38.4 ai 39.0 °C; questa fase continua fino a quando non si ha una pulizia profonda e completa dell'ambiente che circonda le cellule cioè del connettivo.


Se si blocca la febbre si blocca questo meccanismo di purificazione dell'organismo che, nel tempo, può portare a problematiche più gravi, quindi prima di assumere un antipiretico è bene valutarne il reale bisogno insieme al proprio medico.

 

NOTIZIE UTILI

Additivi alimentari da evitare

Inserire qualche cosa di nuovo in un alimento non è sempre una buona idea, particolarmente quando nuoce alla salute. Eccovi 12 additivi da evitare:
(queste non sono valutazioni personali, ma di MSN health and Fitness).

CONTINUA

Camminare allunga la vita

Il premio Nobel del 2009 è stato riconosciuto a chi da tempo si occupa dei telomeri, una sorta di catena interna alla cellula che rende conto della sopravvivenza di ogni cellula e di ogni essere vivente. Se il telomero è lungo, la cellula (e chi la possiede) vive più a lungo.

CONTINUA

Più frutta e meno sale

Registriamo con piacere come da qualche tempo anche alcune riviste di divulgazione sanitaria molto diffuse comincino a segnalare i molti effetti del sale sulla salute.

CONTINUA

La Febbre

Per la febbre c’è un vero e proprio rifiuto in quanto non se ne conosce il vero significato, se conoscessimo il significato dell’innalzamento della temperatura del nostro corpo, non lo ostacoleremmo ottenendo certamente uno stato di salute migliore.

CONTINUA

Obesità infantile, fattori di rischio e prevenzione

L'obesità infantile è un problema di notevole rilevanza sociale: un bambino che mangia troppo sarà anche, con molta probabilità, 'un adulto obeso', con una maggiore possibilità di complicanze (dislipidemie, diabete, ipertensione, difficoltà motorie, difficoltà nella respirazione nonché difficoltà psicologiche).

CONTINUA

Frutta e verdura aiutano a rilassarsi

Che la frutta e la verdura facciano bene alla salute non è un segreto, ma un nuovo studio dell'Università di Otago svela un beneficio in più: mangiare più frutta e verdura è una strategia per calmarsi.

CONTINUA

Additivi alimentari da evitare

Inserire qualche cosa di nuovo in un alimento non è sempre una buona idea, particolarmente quando nuoce alla salute. Eccovi 12 additivi da evitare:
(queste non sono valutazioni personali, ma di MSN health and Fitness).

CONTINUA

Integratori Alimentari

L'integrazione alimentare, l'uso di supplements e di vitamine, come quello di sostanze naturali ad azione specifica o di alimenti funzionali (basta pensare al resveratrolo o alle mandorle), è sempre più oggetto di discussione e di controversia.
Eppure ci sono lavori di notevole rilievo scientifico che confermano in modo rigoroso il forte impatto positivo dell'integrazione alimentare nel migliorare la propria salute.

CONTINUA

Più frutta e meno sale

Registriamo con piacere come da qualche tempo anche alcune riviste di divulgazione sanitaria molto diffuse comincino a segnalare i molti effetti del sale sulla salute.

CONTINUA